QUOTAZIONI PETROLIO. QUOTAZIONI PETROLIFERE e WTI

quotazioni petrolio


Indice: quotazioni petrolio


A COSA SERVONO LE QUOTAZIONI PETROLIO

QUOTAZIONI PETROLIO, INVESTIRE NELL’ORO NERO

Quotazioni del petrolio. Il NYMEX, ossia il NewYork Mercantile Exchange e L’Intercontinental Exchange, meglio noto con la sigla ICE, sono i due mercati principali – rispettivamente americano e londinese – nei quali avvengono 7 giorni su 7 e 24 ore su 24 continue quotazioni petrolifere, il cui prezzo – come è noto – oscilla frequentemente a causa di tanti fattori, tra cui l’incontro tra domanda e offerta. Le quotazioni sono determinate dai greggi di riferimento, che sono il West Texas Intermediate ed il Brent: più precisamente, il petrolio Brent proviene dal Mare del Nord e costituisce un riferimento per le quotazioni petrolifere non solo nel mercato europeo ma per il resto del mondo tant’è che influenza il prezzo di circa due terzi della produzione mondiale.

Il petrolio WTI è prodotto in Texas, Stati Uniti e per la sua quantità di zolfo pari allo 0,24% si presenta facilmente raffinabile rispetto al londinese Brent. Ciò nonostante, il WTI è presente nel mercato americano soprattutto e ne determina le quotazioni petrolifere.


QUOTAZIONI PETROLIO, LE OSCILLAZIONI DEL BRENT

Il Brent nel corso degli anni ha avuto interessanti oscillazioni di prezzo: raggiunse il suo massimo storico a 146,08 dollari nel luglio 2008, si è mantenuto negli anni successivi arrivando a 126,65 nel 2011 per poi deprezzarsi in maniera vertiginosa, sino ad arrivare ai 40,15 dollari proprio di recente. Tuttavia, questa tendenza non spaventa gli esperti del settore i quali al contrario intravedono un futuro rialzo del Brent ritenendo pertanto che il Brent tornerà a determinare positivamente le quotazioni petrolio.


WTI E LE QUOTAZIONI PETROLIO

Come già anticipato, il WTI o West Texas Intermediate è un tipo di petrolio greggio che viene utilizzato come riferimento al pari del petrolio Brent del Mare del Nord. Come per il Brent, anche il WTI ha avuto nel corso degli ultimi 10 anni un’oscillazione continua: nel 2008, si è registrata una differenza di circa 4 dollari rispetto al Brent.  Due anni dopo, un altro ribasso simile con 10 dollari di scarto negativo, arrivando a 20 dollari solo qualche mese dopo. Il culmine di questa tendenza avviene nel 2011 quando il barile di WTI costava 26.80 dollari meno rispetto al Brent.

Ti potrebbe interessare anche:  Quotazione oro usato | Prezzo valutazione e valore in tempo reale


QUALI SONO I FATTORI CHE INFLUENZANO LE QUOTAZIONI DEL PETROLIO

Se è palese che la scoperta di nuovi giacimenti provoca l’aumento dell’offerta e l’industrializzazione determina la percentuale di domanda, tuttavia la presenza e l’attenzione – soprattutto di recente – di fonti alternative incidono di fatto sulla domanda, determinandone un piccolo calo. Le fonti energetiche infatti suscitano un forte interesse presso la società attuale, così attenta alle questioni ambientali. Un interesse ovviamente che provoca una diminuzione del prezzo dell’oro nero, pilotando le quotazioni petrolio.

Come già anticipato, anche la quantità di petrolio presente incide sul suo valore; non a caso, sono rilevanti il livello di riserve sia americane che dell’OPEC – l’Organizzazione dei 12 Paesi esportatori di petrolio. In generale, tutte le notizie che coinvolgono questi paesi, come le questioni politiche e/o geopolitiche sono utili a comprendere le quotazioni del petrolio future; si pensi al 2016 e gli eventi politici che hanno determinato il crollo delle quotazioni petrolio. Spesso il rapporto tra dollaro e prezzo del barile sono inversamente proporzionati: maggiore sarà il valore del dollaro e minore sarà l’esportazione del petrolio nei mercati esteri. Un dollaro invece il cui valore diminuisce provoca una maggior domanda di petrolio nel resto del mondo. Quindi ne consegue che le quotazioni petrolifere sono sensibile a queste oscillazioni di valore.

Ti potrebbe interessare anche:  La valutazione oro, un argomento molto discusso


QUOTAZIONI PETROLIO E TRADING

L’analisi tecnica è quell’attività tesa al monitoraggio costante dei principali indicatori del mercato che sottolineano le tendenze a breve termine e la loro forza. A questa, va aggiunta l’analisi utile per improntare una strategia di trading sulle quotazioni del greggio per comprenderne le tendenze future.

I micromovimenti sono quei grafici che dimostrano l’andamento delle quotazioni petrolifere nel breve termine, un’attività da non sottovalutare assolutamente. Le tendenze sono la prima cosa da osservare perché se la tendenza è forte, ciò può portare a degli ottimi guadagni. Tuttavia, ci sono delle azioni che devono essere compiute per ridurre il rischio di incorrere a grosse perdite.


Sommario:

  1. a cosa servono le quotazioni petrolio;
  2. le oscillazioni del Brent;
  3. wti e le quotazioni;
  4. i fattori d’influenza;
  5. quotazioni e trading.

Ulteriori informazioni o approfondimenti consulta Quotazioni petrolio su Money.it

Leggi anche: bitcoins walletcometafondoprezzo petroliomercati asiatici oggiprezzo WTIquotazione del petrolioquotazione metalli preziosiquotazione oro usato

Potrebbero interessarti anche...