No menu items!

Perché assumere un coach aziendale è la migliore idea che puoi avere per la tua azienda

Più letti

Crescere, sviluppare nuove idee, avere il supporto e la passione di tutti i dipendenti, avvertire in ogni singolo membro dell’impresa la piena condivisione dei valori, degli obiettivi e delle azioni. Un sogno? Raggiungibile, se dalla tua parte c’è un business coach.

Chi? Ne parlano in molti, ma di cosa si occupa davvero un coach aziendale?

Lo abbiamo chiesto a Nicola Vignolini Barbera, Master Practitioner PNL e coach, che si occupa quotidianamente di far crescere le aziende, migliorando l’efficacia del team, promuovendo il benessere dei dipendenti, facendo emergere le leadership. E facendo raggiungere uno ad uno gli obiettivi condivisi con il titolare di azienda.

Indice dei contenuti

A cosa serve un business coaching?

Ciao! Sei partito con una domanda molto chiara e diretta! Splendido!

Serve? Non a tutti i manager, non a tutte le aziende, non a tutti serve.

Ti potrebbe interessare anche:  Verifica partita IVA, come fare la verifica p iva per sapere se è stata attiva

Serve a chi vuole apportare dei cambiamenti, dei miglioramenti in termini di efficacia, efficienza, produttività o cambiamenti di carriera!

Il coach è un professionista del cambiamento. Il business coach è il professionista del cambiamento nel business.

Perchè io, titolare di azienda, dovrei scegliere di pagare un coach?

Per ottenere migliori risultati di quelli attualmente ottenuti, per pianificare obiettivi reali e raggiungibili, per migliorare l’efficacia della tua azienda, per avere un professionista al tuo fianco che ti offra spunti e indicazioni su come migliorare il tuo potenziale aziendale e personale.

Quanto tempo serve di solito perchè le strategie messe in atto abbiano un effetto?

Ogni grande obiettivo è fatto di tanti piccoli e tangibili micro obiettivi, prima si inizia il cammino e prima si vedono gli effetti delle strategie messe in campo.

Un imprenditore titolare di pmi, un artigiano, un titolare di un negozio, potrebbero aver bisogno di un business coach? Oppure si tratta di un intervento rivolto solo alle grandi aziende?

E’ rivolto a chiunque voglia migliorarsi, o desideri apportare un cambiamento alla propria attività o al proprio stile di conduzione del business e del team. A tutti quei professionisti che bramano maggiore qualità, efficacia nel proprio lavoro, nella propria attività.

Ti potrebbe interessare anche:  Verifica partita IVA, come fare la verifica p iva per sapere se è stata attiva

Proviamo a fare un esempio. Vieni contattato da una azienda del ramo tessile, con 30 dipendenti, tra cui il responsabile marketing, quello alla produzione, il manager del reparto sales e il direttore creativo. Ovviamente c’è anche il titolare a supervisionare tutto. Come agisci? Cosa fai?

Ti potrebbe interessare anche:  Previsione petrolio: prezzo nel 2020

Bene andiamo nel pratico, perché le parole sono importanti solo se accompagnate da azioni efficaci!

La prima cosa che faccio è “l’analisi della domanda”, che comporta :

  • un incontro con il proprietario in cui si chiariscono quali sono le aspettative e i desideri, da non confondere con l’obbiettivo!
  • Recupero tutti i dati necessari sull’organizzazione e sulle procedure in atto
  • Osservo e studio i principali processi di funzionamento dell’organizzazione
  • Conduco una rilevazione della percezione del cliente e dell’immagine desiderata
  • Verifico la chiarezza della mission aziendale

Ovviamente come quando chiedi una ricetta ad uno Chef, ti ho detto alcuni ingredienti ma non li posso svelare tutti, tantomeno come vanno cucinati!

Una volta ottenute le informazioni necessarie definiamo con la proprietà l’obiettivo e successivamente presento un progetto e un programma di lavoro.

A livello economico cosa ottiene una impresa che assume un business coach? E in quanto tempo?

Bella domanda! Molto simile alla prima che mi hai fatto. Ottiene il raggiungimento dell’obiettivo concordato, con le modalità e i tempi concordati.

Ultima domanda: perchè un’azienda dovrebbe scegliere te?

Ti faccio anche io una domanda: Perché io dovrei scegliere quella azienda

Ti potrebbe interessare anche:  Finanziamenti Europei 2020: guida alla domanda

Si, perché ci scegliamo in due! Non accetto mai lavori dove durante l’analisi della domanda emergono probabilità importanti di non raggiungere l’obiettivo. Mi piace vincere si! Può essere difficile, richiedere molti sforzi e molte energie; questo mi va bene e mi piace, adoro il mio lavoro e le sifide! Ma se percepisco che il manager, l’imprenditore, il team, l’azienda, chiunque mi ha contattato non è nelle condizioni di raggiungere l’obiettivo, scelgo di non investire il mio tempo e saluto cortesemente restituendo le motivazioni e le indicazioni. Il coaching è un cammino insieme!

Ti potrebbe interessare anche:  Oggetti sacri online, come trovare ed acquistare i migliori

More articles

Ultimi articoli